sabato 3 dicembre 2011

La propaganda sul latte

Siamo cresciuti con diverse credenze. Una di queste, ben radicate, è quella che dice che il latte fa bene.
La verità è tristemente un'altra. Il latte (e i suoi derivati) sono fortemente tossici per il nostro organismo, che non è in grado di digerirlo adeguatamente.
L'anno scorso, nella scuola dell'infanzia di Gabo, sono stati fatti diversi incontri sull'indottrinamento ai latticini, con tanto di visite guidate alle fattorie. Nessuno che abbia spiegato i danni o i rischi del latte, o la sofferenza cui gli animali sono sottoposti per la produzione dei latticini.
Forse, perché anche gli insegnanti e i diversi operatori coinvolti fanno parte della stessa bolla di propaganda, inconsapevoli. Immaginate la difficoltà nel provare a spiegare a Gabo che quello che gli hanno raccontato è una grossa finzione.

Appeso, fuori da un distributore automatico di latte in una fattoria vicino a casa, un cartello che riassume in modo efficace i concetti cardine della propaganda.



Ma ecco, secondo la sintesi che ne fa Valdo Vaccaro, come stanno invece le cose:

a) Il latte di mucca può essere considerato carne liquida o sangue bianco. Un sangue bianco pressato dalle mammelle della mucca.
b) Il latte di mucca è disegnato e destinato dalla natura ad allattare i bambini della mucca. È cibo destinato ai lattanti, ai vitellini. Non è cibo per i manzetti, già svezzati, figurarsi per gli umani che non sono figli della mucca e che non sono più dei lattanti.
c) Il latte di mucca è troppo ricco, troppo grasso, troppo proteico, troppo colesterolizzato e troppo colloso o caseinizzato. L’eccesso di grasso e di proteine, già di per sé, è una disgrazia per il corpo umano.
d) Il latte di mucca è il più allergenico cibo conosciuto. Contiene oltre un centinaio di diversi fattori di allergia.
e) Il latte di mucca è causa di problemi digestivi per gli umani che sono sprovvisti dell’enzima lactase. L’enzima lactase serve a demolire il lattosio, che è lo zucchero del latte. Il latte causa gas, crampi, costipazione.
f) Il lattosio indemolito si trasforma in galattosio e causa cataratta.
g) Il latte di mucca contiene l’ormone prolattina stimolatore di crescite cancerogene al seno femminile.
h) Il latte di mucca è ricettacolo dei peggiori inquinanti incluso le sostanze radioattive come stronzio 90 e iodina 121.
i ) Il latte di mucca ha legami inquietanti con malattie gravi. Le statistiche confermano che i paesi maggiori consumatori hanno l’incidenza più alta di sclerosi, cancro, artrite, cardiopatia, diabete.
l) Il latte di mucca è anemizzante. Il latte è il cibo dell’anemia, poiché carente in ferro.
m) Il formaggio contiene 10 volte più grasso del latte, ed è un grasso perossidato, carico di radicali liberi. I radicali liberi sono tra l’altro fattore di invecchiamento precoce.
n) Non esiste nessun tipo di latte al mondo che faccia bene agli adulti. L’unico latte ottimo è quello di ogni mamma per il suo bimbo lattante, e quello di ogni mamma mucca per il suo cucciolo vitellino. Questa non è una opinione ma la logica stringente e chiara della natura.
o) Tutti i difetti del latte stanno purtroppo anche nei gelati comuni. Persino i gelati, delizia apparentemente rinfrescante del palato, tentazione autentica e irresistibile per grandi e piccini, contiene tutti i gravi difetti del latte, ed ha in più dolcificanti industriali. I gelati in confezione sono sostanze altamente chemicalizzate con solventi, stabilizzatori, emulsionanti, conservanti, coloranti, sapidificanti. Non c’è abbastanza posto sulle etichette per completare l’elenco degli ingredienti a rischio. Si parla anche di uso comune del grasso di balena. Il gelato, come il latte, è ricettacolo di sostanze radioattive e contaminanti. Trattasi di un prodotto molto lavorato e raffinato, totalmente privo di fibre. Toglie l’appetito (il che è grave per le cellule rimaste a secco), e nel contempo fa venire molta sete. È causa di costipazione, diverticolite, emorroidi.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.