sabato 27 febbraio 2010

Prendere corpo, di Gherasim Luca

Io tu flora
tu io fauna

Io tu pelle
io tu porta
e finestra
tu io osso
tu io oceano
tu io audacia
tu io meteorite

Io tu chiave d’oro
io tu straordinario
tu io parossismo

Tu io parossismo
e paradosso
io tu clavicembalo
tu io silenziosamente
tu io specchio
io tu orologio

Tu io miraggio
tu io oasi
tu io uccello
tu io insetto
tu io cateratta

Io tu luna
tu io nuvola
tu io alta marea
Io tu trasparente
tu io penombra
tu io limpido
tu io castello vuoto
e labirinto
Tu io parallasse
e parabola
tu io in piedi
e disteso
tu io obliquo

Io tu equinozio
io tu poeta
tu io danza
io tu particolare
tu io perpendicolare
e soppalco

Tu io visibile
tu io silhouette
tu io infinitamente
tu io indivisibile
tu io ironia

Io tu fragile
io tu ardente
io tu foneticamente
tu io geroglifico

Io tu spazio
tu io cascata
io tu cascata
a mia volta ma tu


tu io fluido


tu io stella filante

tu io vulcanico

noi noi polverizzabile

Noi noi scandalosamente
giorno e notte
noi noi oggi stesso
tu io tangente
io tu concentrica

Tu io solubile
tu io insolubile
tu che mi asfissi
e io liberatrice
tu io pulsante

Tu io vertigine
tu io estasi
tu io appassionatamente
tu io assoluto
io tu assente
tu io assurdo

(prendere corpo)
Io tu narice io tu capigliatura
io tu anca
tu mi ossessioni
io tu petto
io busto tu petto poi tu volto
io tu corsetto
tu io odore tu io vertigine
tu scivoli
io tu coscia io ti accarezzo
io tu fremito
tu mi scavalchi
tu io insopportabile
io tu amazzone
io tu gola io tu ventre
io tu gonna
io tu giarrettiera io tu calze io tu Bach
sì io tu Bach per clavicembalo seno e flauto

io tu tremante
mi seduci mi assorbi
ti contendo
ti rischio ti scalo
mi sfiori
ti navigo
ma tu mi agiti
mi sfiori mi racchiudi
tu io carne cuoio pelle e morso
tu io slip nero
tu io ballerine rosse
e quando tu niente tacchi alti sui miei sensi
tu i coccodrilli
tu le foche tu le affascini
mi copri
ti scopro t’invento
talvolta ti abbandoni

tu io labbra umide
ti libero ti deliro
mi deliri e mi seduci
io tu spalla io tu vertebra io tu caviglia
io tu ciglia e pupille
e se io scapola non prima dei polmoni
anche lontana tu io ascelle
ti respiro
giorno e notte ti respiro
io tu bocca
io tu palato io tu denti io tu unghie
io tu vulva io tu palpebre
io tu fiato
io tu inguine
io tu sangue io tu collo
io tu polpacci io tu certezza
io tu guance e vene

io tu mani
io tu sudore
io tu lingua
io tu nuca
io ti navigo
io tu ombra io tu corpo e fantasma
io tu retina nel mio soffio
tu tu iride


io ti scrivo
tu mi pensi

(traduzione di alfredo riponi, presa dall'ottimo sito Imperfetta Ellissi)
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.