giovedì 8 marzo 2012

Un mattino

Essere vivo dentro di te
o morire nel seme di un fiore.
Avere sete o gioire
per il vento di marzo
che non sa abbracciare
ma strappare.

Ventre duro e gambe piegate
in muscoli nuovi,
nel dolore del parto,
ingordo
fluire
di vita.

Senza lotta o speranza
dentro te
un ricordo o un auspicio
della terra la polvere
di un bacio di sabbia.

Una donna
tutte le donne
e riconoscersi in un grido
o un sorriso.

Averti vicino
ogni giorno
senza chiedersi il motivo
o il destino,
e il pensiero diverso
di un sole nuovo
al mattino.

Un mattino.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.