martedì 27 settembre 2011

Conosci te stesso

  plutarco, immagine tratta dalla rete

Sta in antitesi a "Tu sei" l'altro ammonimento: "Conosci te stesso", ma in modo che fra i due c'è consonanza: l'uno è un'esclamazione rivolta con sgomento e riverenza al dio che esiste eternamente, l'altro è per il mortale, un memento della sua natura e debolezza.
Plutarco di Cheronea, Sull'E di Delfi, tratto da
I mistici dell’Occidente di Elémire Zolla
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.