giovedì 14 agosto 2014

Jane Eyre

— Jane! Jane! — mi disse con amarezza così profonda, che fece vibrare tutti i
miei nervi, — non mi amate più dunque? Non vi tentava altro che la mia posizione e
l'idea di divenire mia moglie? Ora non valgo più nulla ai vostri occhi, perché sapete che
non posso esser vostro marito, e mi fuggite come un rospo o un mostro?
Charlotte Bronte, Jane Eyre
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.