mercoledì 20 agosto 2014

Corre il soldato

Chiamami ora che la tua pelle non mi consola, né la tua pelle né il tuo viso diviso e un'ombra scura è scesa lunga su di noi. Un treno è passato, un treno nero e pieno, corre il soldato, corre la strada sulla terra bruciata, corre la notte e dice che non tornerà per me. Brancola la sposa, brancola il suo velo di rosa, si strappa a pezzi, dorme e non riposa e un treno ancora non la porta più per me. Casa su casa, dov'è la casa ora che il cielo è caduto e cade a pezzi giù dal cielo perduto? e l'alba ancora non ritorna anche per me. Sognami qui com'ero. sognati com'eri tu, non ritorna il tempo per noi, ora sai com'era vero, ora sai com'eri tu. Sognami qui com'ero, sognati com'eri tu, non ritorna il tempo per noi, ora sai com'era vero, ora sai com'eri tu.



Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.