martedì 14 agosto 2012

Self evident



yes, 
us people are just poems 
we're 90% metaphor 
with a leanness of meaning 
approaching hyper-distillation 
and once upon a time 
we were moonshine 
rushing down the throat of a giraffe 
yes, rushing down the long hallway 
despite what the p.a. announcement says 
yes, rushing down the long stairs 
with the whiskey of eternity 
fermented and distilled 
to eighteen minutes 
burning down our throats 
down the hall 
down the stairs 
in a building so tall 
that it will always be there 
yes, it's part of a pair 
there on the bow of Noah's ark 
the most prestigious couple 
just kickin back parked 
against a perfectly blue sky 
on a morning beatific 
in its Indian summer breeze 
on the day that America 
fell to its knees 
after strutting around for a century 
without saying thank you 
or please 

and the shock was subsonic 
and the smoke was deafening 
between the setup and the punch line 
cuz we were all on time for work that day 
we all boarded that plane for it to fly 
and then while the fires were raging 
we all climbed up on the windowsill 
and then we all held hands 
and jumped into the sky 

and every borough looked up when it heard the first blast 
and then every dumb action movie was summarily surpassed 
and the exodus uptown by foot and motorcar 
looked more like war than anything I've seen so far 
so far 
so far 
so fierce and ingenious 
a poetic specter so far gone 
that every jackass newscaster was struck dumb and stumbling 
over 'oh my god' and 'this is unbelievable' and on and on 
and I'll tell you what, while we're at it 
you can keep the pentagon 
keep the propaganda 
keep each and every TV 
that's been trying to convince me 
to participate 
in some prep school punk's plan to perpetuate retribution 
perpetuate retribution 
even as the blue toxic smoke of our lesson in retribution 
is still hanging in the air 
and there's ash on our shoes 
and there's ash in our hair 
and there's a fine silt on every mantle 
from hell's kitchen to Brooklyn 
and the streets are full of stories 
sudden twists and near misses 
and soon every open bar is crammed to the rafters 
with tales of narrowly averted disasters 
and the whiskey is flowin 
like never before 
as all over the country 
folks just shake their heads 
and pour 

so here's a toast to all the folks who live in Palestine 
Afghanistan 
Iraq 
El Salvador 

here's a toast to the folks living on the pine ridge reservation 
under the stone cold gaze of mt. Rushmore 

here's a toast to all those nurses and doctors 
who daily provide women with a choice 
who stand down a threat the size of Oklahoma City 
just to listen to a young woman's voice 

here's a toast to all the folks on death row right now 
awaiting the executioner's guillotine 
who are shackled there with dread and can only escape into their heads 
to find peace in the form of a dream 

cuz take away our playstations 
and we are a third world nation 
under the thumb of some blue blood royal son 
who stole the oval office and that phony election 
I mean 
it don't take a weatherman 
to look around and see the weather 
Jeb said he'd deliver Florida, folks 
and boy did he ever 

and we hold these truths to be self evident: 
#1 George W. Bush is not president 
#2 America is not a true democracy 
#3 the media is not fooling me 
cuz I am a poem heeding hyper-distillation 
I've got no room for a lie so verbose 
I'm looking out over my whole human family 
and I'm raising my glass in a toast 

here's to our last drink of fossil fuels 
let us vow to get off of this sauce 
shoo away the swarms of commuter planes 
and find that train ticket we lost 
cuz once upon a time the line followed the river 
and peeked into all the backyards 
and the laundry was waving 
the graffiti was teasing us 
from brick walls and bridges 
we were rolling over ridges 
through valleys 
under stars 
I dream of touring like Duke Ellington 
in my own railroad car 
I dream of waiting on the tall blonde wooden benches 
in a grand station aglow with grace 
and then standing out on the platform 
and feeling the air on my face 

give back the night its distant whistle 
give the darkness back its soul 
give the big oil companies the finger finally 
and relearn how to rock-n-roll 
yes, the lessons are all around us and a change is waiting there 
so it's time to pick through the rubble, clean the streets 
and clear the air 
get our government to pull its big dick out of the sand 
of someone else's desert 
put it back in its pants 
and quit the hypocritical chants of 
freedom forever 

cuz when one lone phone rang 
in two thousand and one 
at ten after nine 
on nine one one 
which is the number we all called 
when that lone phone rang right off the wall 
right off our desk and down the long hall 
down the long stairs 
in a building so tall 
that the whole world turned 
just to watch it fall 

and while we're at it 
remember the first time around? 
the bomb? 
the Ryder truck? 
the parking garage? 
the princess that didn't even feel the pea? 
remember joking around in our apartment on avenue D? 

can you imagine how many paper coffee cups would have to change their design 
following a fantastical reversal of the New York skyline?! 

it was a joke, of course 
it was a joke 
at the time 
and that was just a few years ago 
so let the record show 
that the FBI was all over that case 
that the plot was obvious and in everybody's face 
and scoping that scene 
religiously 
the CIA 
or is it KGB? 
committing countless crimes against humanity 
with this kind of eventuality 
as its excuse 
for abuse after expensive abuse 
and it didn't have a clue 
look, another window to see through 
way up here 
on the 104th floor 
look 
another key 
another door 
10% literal 
90% metaphor 
3000 some poems disguised as people 
on an almost too perfect day 
must be more than poems
in some asshole's passion play 
so now it's your job 
and it's my job 
to make it that way 
to make sure they didn't die in vain 
sshhhhhh.... 
baby listen 
hear the train? 


Ani Di Franco


LAMPANTE

Sì, noi tutti siamo solo poesie
al 90% metafore
con una povertà di senso
che si avvicina all'iperdistillazione
eppure c'è stato un tempo in cui eravamo raggi di luna
e scivolavamo giù per il collo di una giraffa
sì, scivolavamo per quel lungo corridoio
nonostante quello che dice l'impianto voce
sì, scivolavamo per quelle lunghe scale
con il whiskey dell'eternità fermentato e distillato per diciotto minuti
che ci bruciava in gola
giù per il corridoio
giù per le scale
di un edificio così alto che resterà lì per sempre
sì fa parte di una coppia
là sulla prua dell'arca di Noè
la coppia più prestigiosa che si rimandava la palla
contro un cielo perfettamente azzurro
in quel mattino sublime
con la sua bellezza da estate indiana
il giorno in cui l'America cadde in ginocchio
dopo aver camminato impettita per un secolo
senza mai dire grazie o per favore

e lo shock fu subsonico
e il fumo assordante
perché eravamo tutti al lavoro in orario quel giorno
e tutti ci siamo imbarcati su quel volo
e poi mentre le fiamme infuriavano
ci siamo tutti arrampicati sul davanzale
e poi ci siamo presi per mano,
tutti e ci siamo lanciati nel cielo
e ogni distretto ha alzato gli occhi
quando ha sentito il primo scoppio
e ogni stupido film d'azione di colpo è sembrato superato
e quell'esodo di persone e automobili
assomigliava alla guerra
più di ogni altra cosa che abbia visto finora
finora, per ora

così fiero e ingegnoso
un fantasma poetico riapparso dopo due secoli
che ogni commentatore idiota si trovò a balbettare
"oh mio dio" e "è incredibile"
nient'altro per ore e ore
e voglio dirvi una cosa, già che ci siamo:
potete tenervi il Pentagono
tenervi la propaganda
tenervi ogni singola televisione
che ha tentato di convincermi
ad aderire al piano di qualche liceale fanatico
per orchestrare la ritorsione
proprio mentre il fumo bluastro e tossico
del nostro esempio di ritorsione
sta ancora ammorbando l'aria
e abbiamo cenere sulle scarpe
e cenere nei capelli
un mantello di sottile di limo
da Hell's Kitchen a Brooklyn
e le strade sono piene di storie
di svolte impreviste e ritardi provvidenziali
e ogni bar aperto
si riempie fino al soffitto di leggende di disastri evitati per un soffio
e il whiskey scorre come mai era successo
mentre in tutto il paese la gente scuote la testa e si versa da bere.

E allora facciamo un brindisi
a tutti quelli che vivono in Palestina
Afghanistan Iraq El Salvador
un brindisi a tutti quelli che vivono nella riserva di Pine Ridge
sotto lo sguardo gelido e pietrificato
del Mont Rushmore
un brindisi a tutti quei medici
e quelle infermiere
che ogni giorno permettono alle donne di scegliere
che affrontano una minaccia grande come Oklahoma City
solo per ascoltare la voce di una ragazza
un brindisi a tutti i condannati a morte
che in questo momento aspettano la loro ghigliottina
soffocati dal terrore
e possono fuggire solo in se stessi
per trovare la pace in forma di sogno

perché portateci via le nostre playstation
e siamo una nazione da terzo mondo
dominata da una specie di erede blasonato
che ha usurpato lo studio ovale
e quelle elezioni fasulle
voglio dire,
che non ci vuole certo un metereologo
per guardare fuori che tempo fa
Jeb aveva detto che avrebbe consegnato la Florida, gente,
e altroché se ci è riuscito
e queste sono le nostre verità lampanti
1. George Bush non è presidente
2. l'America non è una vera democrazia
3. i media non mi prendono in giro
perché io sono una poesia
attenta all'iperdistillazione
non ho posto per una bugia così prolissa
abbraccio con uno sguardo
tutta la mia famiglia di esseri umani
e sollevo il bicchiere in un brindisi
che sia il nostro ultimo sorso
di carburanti fossili
giuriamo di farla finita con questo veleno
di disperdere gli sciami di aerei pendolari
e ritrovare quel biglietto del treno
che avevamo perduto
perché c'è stato un tempo in cui la ferrovia costeggiava il fiume
e curiosava in tutti i cortili
e c'era il bucato steso
e graffiti che ammicavano da ponti e muri di mattoni
giravamo tra montagne e vallate
sotto le stelle
io sogno di viaggiare come Duke Ellington
nella mia carrozza privata
sogno di aspettare
sulle alte panchine di legno biondo
in una stazione centrale inondata di grazia
e poi in piedi sul binario
sentire l'aria sul viso
restituire alla notte il suo fischio lontano
restituire alle tenebre l'anima
mandare affanculo una volta per tutte le grandi compagnie petrolifere
e imparare da capo il rock'n'roll

sì, gli esempi ci circondano
e ci aspetta un cambiamento
e dunque è ora di esaminare le macerie
ripulire le strade e rinfrescare l'aria
cosringere il governo
a tirar fuori il suo grosso uccello dalla sabbia del deserto di qualcun altro
rinfilarselo nei pantaloni
e farla finita con gli slogan ipocriti di libertà duratura
perché quando quell'unico telefono ha chiamato
nel 2001 alle nove e dieci il 911
che è il numero che tutti abbiamo chiamato quando quell'unico telefono ha squillato
dietro la parete dalla nostra scrivania
fino al corridoio
lungo le scale interminabili
di un edificio così alto
che il mondo intero si è voltato
solo per vederlo cadere.

E già che ci siamo vi ricordate la prima volta?
la bomba? il camion?
il parcheggio sotterraneo?
la principessa che non si era neppure accorta del pisello?
vi ricordate come ci scherzavamo sopra?
riuscite ad immaginare quanti bicchieri di carta dovrebbero cambiare decorazione
inseguendo l'incredibile cambiamento dello skyline di New York?
era solo uno scherzo, naturalmente
solo uno scherzo
ed è successo solo pochi anni fa
e allora che l'inchiesta dimostri
che l'FBI era coinvolta nel caso
che la trama era evidente e sotto gli occhi di tutti
e ad esaminare la zona religiosamente
la CIA - o è il KGB?
che ha commesso innumerevoli crimini contro l'umanità
sempre con questa eventualità come scusa
per tutti gli abusi
commessi l'uno dopo l'altro
senza mai un indizio
guardate c'è un'altra finestra lassù,
al 104° piano
un'altra chiave
un'altra porta

letterale al 10%
al 90% metafora
tremila poesie travestite da persone
in una giornata quasi perfetta
dovrebbero essere qualcosa di più
che pedine nella sacra rappresentazione di qualche stronzo
così adesso tocca a voi e tocca a me
fare in modo che non siano morte invano.
Shhhhh...... ascolta piccola, lo senti il treno?

trad. di Lella Costa


Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.