domenica 23 ottobre 2011

Vorace

Guardo Elsa che mangia in giardino, al di là del vetro.
Divora la sua carne con voracità, nella paura che un gatto più grande e forte di lei gliela rubi.
Riconosco in quella fretta, la nostra fretta quando mangiamo.
Alla base della voracità c'è la paura.
E lo stomaco si chiude e contorce.

Mangiamo con calma. In pace.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.