mercoledì 24 settembre 2014

The Dogs

Con grande sorpresa, l'album che ascolto di più in questo periodo si chiama Innocents ed è di Moby.
Pur nell'ambito di un'elettronica semplice, evidentemente popolare, ci trovo delle raffinatezze e un impatto emotivo davvero efficace.
L'ultimo brano dell'album, The Dogs, è bellissimo, nei testi e nella musica.
Mi ricorda, e non so bene perché, un certo esistenzialismo dei Joy Division.
Ascoltalo senza pregiudizi.
(sotto il testo, di cui improvviso una traduzione al volo)




(Verse) 
We started like children 
Lost in the building by the wall 
Hope lost to fear 
And nothing was clear when lost it all 

(Chorus) 
This is how, how we tried 
This is where, where it died 
This is how, how we cried 
Like the dogs left outside 

(Verse) 
We were so cautious 
Guarding the locksets viciously 
I’m never breathing 
Tender like ribbons obviously 

(Chorus) 
This is how, how we tried 
This is where, where it died 
This is how, how we cried 
Like the dogs left outside 

(Verse) 
I am too shy to cry 
You gave her one kind to provoke 
Even with balance 
Losing the hope with you again 

(Chorus) 
This is how, how we tried 
This is where, where it died 
This is how, how we cried 
Like the dogs left outside 

(Verse) 
His words are like sharp knives 
Reading on my rights every time 
Crying to our son 
I was just so wrong every time 

(Chorus) 
This is how, how we tried 
This is where, where it died 
This is how, how we cried 
Like the dogs left outside 

I cani

Abbiamo iniziato come bambini
Persi nel palazzo, vicino al muro
La speranza trasformata in paura
E non c’era nulla di chiaro quando tutto è andato perduto

È così che abbiamo provato
È lì che è morto
È così che abbiamo strillato
Come cani lasciati all’aperto

Eravamo così cauti
Custodendo le serrature ossessivamente
Senza mai respirare
Debole come un nastro ovviamente

È così che abbiamo provato
È lì che è morto
È così che abbiamo strillato
Come cani lasciati all’aperto

Sono troppo timido per piangere
Le hai dato qualcosa per provocare
Persino con equilibrio
E ho perso la speranza con te di nuovo

È così che abbiamo provato
È lì che è morto
È così che abbiamo strillato
Come cani lasciati all’aperto

Le sue parole sono come coltelli affilati
A leggere i miei diritti ogni volta
Urlare a nostro figlio
Ero semplicemente così in errore ogni volta

È così che abbiamo provato
È lì che è morto
È così che abbiamo strillato
Come cani lasciati all’aperto
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.