mercoledì 3 settembre 2014

Riduci i pensieri a polvere

non sai
forse
chi sono.

non ricordi
chi sei.

non ci sono gli occhi
ma le mani
che scavano a fondo.

che siano ali
che siano ventre o ginocchia
riducono i pensieri a polvere
che il vento soffia alle stelle.

non vedo più le luci della notte
le nuvole sono macchie difformi
e il canto del mare tace.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.