venerdì 1 agosto 2014

Il nuovo confine

Immagino ogni cosa
Dal tempo immobile
Al canto dell' ohm
Dal volo di un gabbiano
Allo scavare di un lombrico
Dalla cura dei Bisolitari
Al volo di un drago argentato
Dal sogno di un sorriso
All'incubo di un grido

Nella fede immortale
Della rivoluzione terrestre
Senza perdere la tenerezza
Senza fermare l'azione violenta
Della lotta che tutto tace

Anche il passo lento
Anche il sorriso leggero
Anche il profumo del passato
Anche l'assenza di un corpo
Anche il piacere di un incontro
Anche la tensione di un colpo

Il confine di me che sussiste
Nonostante il vagare di Ulisse
Il canto di una sirena
Le corde salde della coscienza
L'ardore della lotta
L'amore della notte

Occhi non ho più
Che per indovinare il silenzio
E l'estasi di un intero
Inatteso
Istante di grazia.

Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.