mercoledì 4 settembre 2013

Vaso concezione

lavoro.
mi interrompo per andare i bagno.
allo specchio, non mi riconosco.
quando ti aspetti un'altra faccia.
evacuo.
la merda esce a getto continuo.
il mio intestino regolare e leggero.
mi lavo.
allo specchio, la mia magrezza.
la forza è la mia magrezza.
la magrezza è la mia forza.

sono un filo che collega il cielo alla terra e tutto attraversa e da tutto è passato.
nessun filtro e nessuna mediazione.
la comprensione apre il passo alla disponibilità.
vaso concezione.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.