domenica 30 giugno 2013

Seduto in piedi

seduto
in piedi
il tempo non si ferma
né al prima né al dopo

colla
sotto
le mani vigili
qualcosa è cambiato

luce
senza
guardare negli occhi
quel che si è avuto

fulmine
quando
dal retro del giorno
si insinua la notte

prima!
sempre prima di essere
nato
ritrovi l'istante in cui il mondo
si ferma

guarda
le mani

il mondo
ti scopre le braccia
ti allaccia
e ti lascia

guarda
le rughe

il mondo
ti scopre la faccia
ti invecchia
e ti bacia

guarda
la pelle

il mondo
ti chiama due volte
ti nasconde
e ti perde

guarda
il respiro

il mondo
ti bacia sul petto
ti apre
e ti strappa

seduto
in piedi
non hai avuto tempo
né prima né dopo.

Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.