domenica 30 giugno 2013

Scrittura automatica notturna

               veglia e ritorno
odore di polvere
     sapone
le infinite direzioni del tempo
                     un cuscino
       seduto davanti all'oceano
il rumore di nuvole riflesse sull'acqua
    non parlo spagnolo
non sono mai nato
           prima il dovere poi il piacere
               un vecchio artista amareggiato
pochi giorni prima di morire
   il sorriso dell'infinito
          le risate prima e dopo la gioia
un pallone sgonfio
  la piscina immersa nel verde
                  la pelle e il confine tra te e me
        compiere gli anni tre volte
smettere di cantare per fare silenzio
                                                        essere solo
                         averti accanto
      ma come sei magro
                  oggi ti amo per sempre
una foresta di eucalipti
                        il lungo viaggio che porta vicino
incontro
     gioire del tempo che ci è dato
un fiore nasce dalla roccia
                                        senza fare rumore.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.