sabato 5 gennaio 2013

Il serpente



All'uomo fu detto tu camminerai in eterno, viaggerai e l'ombra ti porterai addosso. 
I suoi occhi guardavano stupiti, le mani forti e pallide, si aggirava nelle dolenti città d'occidente, in cupe società, dove trine e stracci si mischiavano. 
Noi viviamo, tutti gridavano.
Il denaro strisciava come il serpente nelle città d'occidente così si celebrava, ma da qualche parte un uomo nuovo nasceva. All'uomo si disse tu camminerai in eterno, viaggerai e l'ombra ti resterà addosso. 
Camminava come gli era stato detto, senza sostare camminava, gli si incupiva il viso, ma il cuore infiammato lo guidava. 
Un raggio di luce attraversò un cielo nero e minaccioso andando a illuminare un albero di ciliegio in fiore davanti ai suoi occhi increduli e sbalorditi, si accorse che qualcosa di metafisico era accaduto... 
scoprì di colpo l'esperienza del bianco. 
Il denaro striscia come il serpente, nelle città d'occidente così si celebra, ma da qualche parte un uomo nuovo sta nascendo.


Franco Battiato
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.