sabato 2 giugno 2012

Insieme

Di fronte a te diverso.
Nel tuo corpo, che conosco tra le pieghe di gioia
e dolore
Fino a uno sbuffo di fiato grosso e caldo
tra le orecchie
Le mani non abbastanza grandi
per i tuoi seni
E sapere che nella luce di questo sole
soli non saremo mai.
Mi hai passato il tuo volto
in una corsa di piena forza
Che di terreno perde ad ogni curva
la sua origine.
Qui di fronte alle nostre bocche rosse
e al nostro petto sudato e sporco
La certezza di appartenere insieme
all'assoluto.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.