domenica 3 luglio 2011

Io tengo uniti gli estremi


Io tengo uniti gli estremi di una vita che non viene
E che quando ti appartiene piano piano se ne va
Io tengo uniti gli estremi di chi la tradisce e non lo sa

Io tengo uniti gli esremi di una nota già suonata
Di una musica imitata male o messa giù a metà
Io tengo uniti gli estremi di chi ha iniziato e di chi ha smesso già

Io tengo uniti gli estremi di un amico che non torna ora è là su
Sull’altra sponda non la pensa come me
Io tengo uniti gli estremi di una corda che si è rotta e non so il perchè

Io tengo uniti gli estremi di una lacrima che scende
Di una corsa disperata in cerca di una identità
Io tengo uniti gli estremi dell’intolleranza e della pietà

Io tengo uniti gli esremi di una srana diffidenza che degli altri fa anche senza
E di rimpianti non ne ha
Io tengo uniti gli estremi della presunzione e della necessità

Io tengo uniti gli esremi di una innata insicurezza di una fede che è certezza e
Che dà opportunità
Io tengo uniti gli estremi di una invidiata semplicità

Io tengo uniti gli estremi del mio vetro già pulito e degli occhi un po’
Smarriti che mi fissano al di là
Io tengo uniti gli estremi di un uomo che ha perso la dignità

Io tengo uniti gli estremi di una strana circostanza di chi non ne ha mai
Abbastanza e ha dimenticato già
Io tengo uniti gli estremi di chi ricorda solo a metà

Io tengo uniti gli estremi di una fine delusione di una finta illusione
Abbracciata in un night club
Io tengo uniti gli esremi di questa cauta serenità

Stefano Belluzzi
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.