giovedì 14 gennaio 2010

[quattro]



Ipnotizzato da una canzone folk.
Ascolto la voce di Alison Krauss perché mi è sconosciuta. Cerco di decifrarla.
Poi, con colpevole ritardo, ritorno alla voce di Robert Plant.
E mi arriva la forza di quella morbidezza, di quel timbro, di quella ricchezza espressiva.
Perdute la rabbia e la lacerazione della gioventù, c'è la pienezza della maturità.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.