giovedì 30 aprile 2009

Impermanenza

Nel bagno caldo esercito la mia consapevolezza dell'impermanenza.
Concentrato, percepisco le mie cellule, le mie tossine, i miei peli, le mie sensazioni e le mie idee che si staccano, si perdono nell'acqua, cambiano stato.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.