lunedì 27 ottobre 2008

Quel che è diviso


Se io ti fossi accanto
ti chiederei di chiudere gli occhi
di ascoltare la mia voce
e dirmi in quale parte del tuo corpo
risuona con pienezza.

Il dolore di questa vita
le sue perdite e le sue manie
ci separano come uccelli in volo
sotto il peso del vento forte.

Dietro al mio volto
ci sei tu
che modifichi il mio stato
a ogni respiro e a ogni bacio
dato e negato.

Le mie braccia
a misura del tuo corpo
assorbono il movimento
delle tue paure
ma non possono stringere
quel che è diviso
e quel che è perso.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.