venerdì 24 ottobre 2008

Isole

Una canzone che suoneremo stasera...

Isole

sento freddo a un piede
quello più lontano dal tuo corpo di mele
rubo un bacio prima di andare via

esco dal tuo letto
e con rispetto mi rivesto in silenzio
fuori piove e lava i gesti di ieri

ma quanto è facile lasciarsi tutto dietro

è questo il tempo di essere lontani
è questo il tempo di essere un’isola

con le gambe stanche
evito le pozze d’acqua sulla mia via
sembra un ballo annoiato e amaro

quante note ho
danzato insieme a te i nostri corpi invisibili
non si sono ostacolati mai

ma è così facile perdersi nel rumore

è questo il tempo di essere lontani
è questo il tempo di essere un’isola

ho un pensiero vivo
che mi suona in testa mentre siedo a un caffé
non ci siamo raccontati mai

fu per la magia
fu per la mania di inventare un perché
so chi sei ma non so chi sarai

sembra facile indovinare un viso
ma non è facile scordare il tuo sorriso

è questo il tempo di essere lontani
è questo il tempo di essere un’isola
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.