mercoledì 29 ottobre 2008

Grey


Sull'onda del ricordo del concerto di Ani di Franco di cui ho raccontato, mi sono riascoltato alcuni suoi brani. Portando l'attenzione ai testi, mi accorgo di come ad Ani piaccia scrivere per condensazioni e per immagini poetiche. Niente di patetico. Tutto molto concreto, ma con una grande sensibilità evocativa. Grey è senza dubbio una delle sue canzoni più famose e meglio riuscite. La malinconia di quella monocromia grigia, così simile ai colori di oggi, è perfettamente in sintonia con le emozioni e le incertezze che racconta. Sotto al testo originale azzardo una velocissima traduzione in italiano, senza dubbio piena di errori e un po' libera.
Ma tant'è!


Grey di Ani di Franco

the sky is grey, the sand is grey, and the ocean is grey.
i feel right at home in this stunning monochrome, alone in my way.
i smoke and i drink and every time i blink i have a tiny dream.
but as bad as i am i'm proud of the fact that i'm worse than i seem.
what kind of paradise am i looking for?
i'vegot everything i want and still i want more.
maybe some tiny shiny thing will wash up on the shore.
you walk through my walls like a ghost on tv.
you penetrate me and my little pink heart is on its little brown raft floating outto sea.
and what can i say but i'm wired this way and you're wired to me,
and what can i do but wallow in you unintentionally?
what kind of paradise am i looking for?
i've got everything i want and still i want more.
maybe some tiny shiny key will wash up on the shore.
regretfully, i guess i've got three simple things to say.
why me? why this now? why this way?
overtone's ringing, undertow's pulling away
under a sky that is grey on sand that is grey by anocean that's grey.
what kind of paradise am i looking for?
i've got everything i want and still i want more.
maybe some tiny shiny key will wash up on the shore.

Grigio

Il cielo è grigio, la sabbia è grigia e l'oceano è grigio.
Mi sento a casa in questa monocromia abbagliante, da sola sulla mia via.
Fumo e bevo e ogni volta che sbatto gli occhi nasce un minuscolo sogno.
Ma per quanto cattiva possa essere sono orgogliosa
del fatto che sono peggio di come sembra.
Che tipo di paradiso sto cercando?
Ho tutto quello che voglio eppure voglio sempre di più.
Magari qualche cosa minuscola e luminosa verrà lavata via dalle onde.
Cammini sui miei muri come un fantasma alla tv.
Mi penetri e il mio piccolo cuore rosa è su una zattera di legno al largo nel mare.
E cosa posso dire, sono legato in questo modo e tu sei legato a me,
e cosa posso fare se non sguazzare dentro te inconsapevole?
Che tipo di paradiso sto cercando?
Ho tutto quello che voglio eppure voglio sempre di più.
Magari qualche cosa minuscola e luminosa verrà lavata via dalle onde.
Mi spiace, ma immagino di avere tre semplici cose da dire.
Perché io? Perché tutto ciò ora? Perché in questo modo?
I suoni acuti squillano, i suoni gravi stanno spingendo
sotto al cielo che è grigio sulla sabbia che è grigia di un mare che è grigio.
Che tipo di paradiso sto cercando?
Ho tutto quello che voglio eppure voglio sempre di più.
Magari qualche cosa minuscola e luminosa verrà lavata via dalle onde.
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.