mercoledì 29 ottobre 2008

Filastrocca 41


Siedo al tuo posto, perché tutto va avanti.
Ma non si può cambiare la personalità
di un gabinetto –
Le piastrelle la vasca lo specchio

Come non si può sapere l’origine del detto:
chi la fa l’aspetti
L’importante è farla nel posto giusto
con la giusta lettura e la giusta postura

mai saputo dire mai saputo dire
perché tutto debba finire
nel cesso

Siedo al tuo posto, a cercare sollievo
Riesco a immaginare la dimensione del peso
dall’acqua
L’acqua lava e sommerge ogni cosa

L’appetito vien mangiando
Il sudore correndo
Il dolore morendo
Leggerezza, in questa vuota certezza

mai saputo dire mai saputo dire
perché tutto debba finire
nel cesso

il rispetto
nel cesso
l’amore
nel cesso
il cibo
nel cesso
i sogni
nel cesso

Cerco leggerezza, in questa vuota certezza
Seduto al tuo posto, perché tutto va avanti
È una ruota che gira
Ti lascio il mio posto e l’odore che ti spetta!

mai saputo dire mai saputo dire
perché tutto debba finire
nel cesso
Posta un commento
Tutti i testi e le immagini di questo blog sono (c) di
Guglielmo Nigro,
salvo dove diversamente indicato.
Puoi diffonderli a tuo piacere ma ti chiedo di
esplicitare sempre l'autore e/o la fonte.